Home   ▲L'Associazione  ▲Eventi   ▲News   ▲Dove Siamo   ▲Contatti   ▲Partner

       

 

Strutture Museali

 

Casa Museo Quadreria Cesarini

 

 

Pinacoteca Comunale

 

 

Museo Archeologico

 

 

Chiesa di San Filippo

 

 

 

Sezione Riservata

 

 

ISCRIVITI alla NEWSLETTER

 

 

Storia del palazzo

          La Pinacoteca comunale  ha sede nel Palazzo Ducale di Fossombrone, comunemente noto come Corte Alta. L'edificio, posto a mezza costa dal colle di Sant'Aldebrando tra l'insediamento medioevale della Cittadella e i niovi quartieri sviluppatisi fra XIV e XV secolo, fu edificato da Federico da Montefeltro a partire dal 1464, quando il suo potere su Fossombrone si consolidò definitivamente.

Ben presto però si sentì l'esigenza di qualificare maggiormente il palazzo, ridistribuendo gli ambienti del piano nobile  secondo uno schema simmetrico e dotandoli dei bei soffitti lignei tuttora conservati. La sigla F(Federico) C(Conte), presente in alcuni di essi, indica che, almeno in parte, gli interventi furono eseguiti prima del 1474, anno in cui Federico ricevette il titolo di Duca.

Guidubaldo I (1472 - 1502) e soprattutto la moglie Elisabetta Gonzaga fecero della corte forsempronese un luogo di frequente soggiorno. L'originario nucleo federiciano venne allora ampliato a oriente con un corpo coronato da loggia, a occidente con l'ampio ambiente destinato a sala di rappresentanza e a teatro.

L'edificio un ulteriore sviluppo negli ultimi anni del XV secolo, con la costruzione di un'ala disposta ortogonalmente all'altezza del teatro e attraversata da due androni.

Questo nuovo intervento edilizio che, con grandi aperture, portici e terrazzamenti apriva il palazzo verso lo spazio circostante, fu presto interrotto per le vicissitudini attraversate dal ducato urbinate agli inizi del '500 e per la morte di Francesco di Giorgio Martini, la cui mano è riconoscibile nei vari stadi di accrescimento dell'edificio avvenuti nel corso di un trentennio .

L'edificio perdette progressivamente la sua importanza come sede ducale con Francesco Maria I Della Rovere (1490 - 1538).

Il trasferimento della Corte nella nuova sede di Pesaro, orientando su nuovi edifici l'attività edificatoria del duca, comportò la definitiva sospensione dei lavori progettati e avviati da Guidubaldo. La Corte Alta forsempronese rimase così un "non finito" che nelle nude srutture del lato occidentale lascia ancora intravedere le linee di un progetto affascinante, divenuto divenuto ormai irrealizzabile anche per motivi economici. Nei secoli successivi l'edificio, ridotto al ruolo di magazzino e sede di laboratori artigiani, progressivamente spogliato dei suoi arredi e del suo decoro, passò in proprietà prima dei Medici, poi della Camera Apostolica da cui fu concesso in enfiteusi perpetua alla famiglia Albani. Dopo due secoli di degrado e di abbandono, l'ultimo cinquantennio ha segnato una decisa inversione di tendenza che ha portato all'acquisto di gran parte dell'edificio da parte del Comune di Fossombrone e quindi al suo restauro al fine di farne la sede delle raccolte museali cittadine .     

 

 

 Opere Presenti:

Tra gli autori di rilievo:

 

- Giovan Francesco GUERRIERI  (1589-1657)

- Federico BAROCCI    (1528-1612)

- Giuseppe DIAMANTINI    (1621-1705)

- Sebastiano CECCARINI   (1703-1783)

- Francesco PODESTI   (1800-1895)

- LAPIS

- Altri autori dei secc. XVI, XVII e XVIII.

 

Al nucleo originario si aggiunsero nel tempo la donazione Rocchi Camerata Passionei, e la donazione Vernarecci, il fondo IRAB.

La collezione di stampe antiche e rare è custodita presso la biblioteca civica Passionei. 

_________________________

 

 

BIGLIETTI:

 

PERSONA singola:

5,00 € = biglietto Pinacoteca e Museo Archeologico

(Musei Corte Alta)

8,00 € = biglietto cumulativo per tutte le strutture

(Quadreria Cesarini, Musei Corte Alta, Chiesa di San Filippo)

 

 

 

GRUPPI di almeno 15 persone:

3,00 € = biglietto Pinacoteca e Museo Archeologico (Musei Corte Alta)

6,00 € = biglietto cumulativo per tutte le strutture(Quadreria Cesarini, Musei Corte Alta, Chiesa di San Filippo)

 

 

SCOLARESCHE:

1,00 € = biglietto scuole (comprese le superiori) per ogni struttura

 

GRATUITO:

-ragazzi fino a 14 anni (con le famiglie),

-guide turistiche autorizzate,

-insegnanti che accompagnano le classi,

-disabili.

____________________

 

 

ORARI DI APERTURA:

 

Tutte le strutture museali sono aperte a chiamata.

Tutti i giorni tranne lunedì pomeriggio e domenica mattina.

Contattare i numeri:

0721 723263 (Ufficio Turistico IAT, Piazza Dante 23)

oppure

340 8245162 (cellulare reperibilità) con i seguenti orari:

 

-          Mattina 10-13

-          Pomeriggio 15.30-18.30

 

Il sabato, la domenica e i giorni festivi l’Ufficio IAT si sposta all’interno della Chiesa di San Filippo

(Corso Garibaldi 144).

______________________

 

Storia del Palazzo Ducale 
Opere presenti
Orari e Biglietti

 

archivio mostre

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

       

 

Associazione Volontari Beni Culturali A.Vernarecci, Via Torricelli n.2/4 61034 Fossombrone PU, Tel 0721714650 associazionevernarecci@yahoo.it cf. 90014390414

 

   

 attivo dal 07/12/2003 - aggiornato il 12/04/2018

webmaster: Massi - Copyright © 2003-2018 Tutti i diritti riservati.

E' vietato riprodurre il contenuto di questo sito senza autorizzazione; Informativa sull1a Privacy; Cookie Policy